Home, weird home! Sulla condizione di essere senza casa

essere senza casa

Ponendosi come analisi culturale del reale, Essere senza casa (Didino, 2020) offre un possibile orientamento, un’ulteriorità di senso in tempi strani, che mutano in modo spaventosamente rapido sotto i nostri occhi. E sceglie di farlo da un punto di vista particolarmente rappresentativo: oggi il concetto di casa, in senso fisico e come sentimento, assume tutt’altro significato rispetto al passato.

Leggi tuttoHome, weird home! Sulla condizione di essere senza casa

Tenet – Il richiamo dell’impensabile

Tenet impensabile

Il nuovo film di Christopher Nolan sconvolge completamente il concetto di temporalità e di causa-effetto con cui siamo abituati a pensare, al punto da correre il rischio di essere incomprensibile. Eppure, dietro a Tenet potrebbe esserci una precisa volontà di indagare ciò che non possiamo comprendere, ovvero l’impensabile.

Leggi tuttoTenet – Il richiamo dell’impensabile

“L’ultima ora” – Una pellicola per la generazione Z

Decisamente distante dai luoghi comuni sulla figura del professore, del carismatico maestro di scuola e di vita, L’ultima ora (Sébastien Marnier, 2018) si colloca piuttosto in un filone del cinema francese ben consolidato (Entre les murs, A voce alta, per citarne alcuni), che vede il mestiere rappresentato più realisticamente nelle sue problematicità e contraddizioni: una frattura aperta, uno scontro tra generazioni destinato a rimanere tale.

Leggi tutto“L’ultima ora” – Una pellicola per la generazione Z