Top10 – Classifica dei migliori film del 2020

7'

Ecco la classifica dei migliori film visti durante il 2020, organizzati in una comoda top10. Cosa c’è in prima posizione?

Redazione Cicles

Sono state parecchie le uscite interessanti durante l’anno. Con la chiusura forzata dei cinema causa pandemia, Netflix ha ulteriormente monopolizzato l’attenzione degli spettatori. Per questo motivo quasi tutti i film di cui si parla in questa classifica sono disponibili sulla nota piattaforma streaming, e se siete qui vi sarà già capitato di intravederli. Dato che non ci piacciono le regole, aspettatevi sorprese. Per ogni posizione trovate un commento che speriamo possa incuriosirvi e invitarvi alla visione di queste perle. Buona lettura!

10. Tenet

top 10 classifica film

L’ultima impresa registica del nostro falsario del cinema preferito non poteva mancare per aprire questa classifica. Ancora una volta, l’illusione del tempo sta a fondamento del mirabolante parco giochi di Christopher Nolan. Riuscendo a trasformare concetti scientifici e improbabili teorie matematiche in archetipi della visione, Tenet ci trasporta nella dimensione dell’impensabile a colpi di proiettili che rientrano in canna, automobili che sfrecciano in retromarcia ed edifici che prima esplodono poi tornano al loro posto. Unico film visto al cinema quest’anno, ci ha lasciato decisamente sconvolti ritrovare anche su grande schermo un personaggio con fame di ossigeno e mascherina. Rewatch obbligatorio!

[Tenet – Il richiamo dell’impensabile]

9. Ultras

Per raccontare il fermento culturale e le contraddizioni della Nuova Napoli serviva un manifesto, qualcosa che fosse capace di mettere la prima pietra per costruire un nuovo sentiero. L’opera di Francesco Lettieri, disponibile su Netflix, è molto di più che un film sulle tifoserie calcistiche, e riesce a scattare una fotografia d’insieme di una cultura inconfondibile e contraddittoria, difficile da capire per chi non è costretto a correre tra i vicoli di Napoli. I gruppi identitari, le nuove generazioni incazzate vs i vecchi diffidati della domenica, la musica di Liberato e Speranza che incontrano le sonorità internazionali dei mostri sacri dell’elettronica, il porto della droga e la camorra, tutto si mescola e convive nel presente di coloro che sono costretti a fare i conti con un futuro incerto.

[Ultras. Un manifesto artistico firmato Lettieri e Liberato]

8. High Score

top 10 classifica film

Come e quando sono nati i videogiochi? Il documentario targato Netflix di France Costrel racconta la frizzante storia della macchina da soldi per eccellenza che ha cambiato il mondo. Ma chi sono i creatori di Super Mario, Missile Command e Doom? Alternando interviste a storie ricostruite in stile pixel-art, si scoprono i volti degli artisti e imprenditori che hanno inventato un nuovo media, ancora lontano dall’essere compreso nella sua essenza. 

[High Score – Il videogioco come opera ipertestuale]

7. Il Buco

top 10 classifica film

L’esordio alla regia di Galder Gaztelu-Urrutia, uscito su Netflix durante il primo lockdown, grazie all’attenzione mediatica ricevuta è riuscito a scavare un segno profondo nella mente degli spettatori bulimici di serie tv, assuefatti a tal punto da non ricordarsi che il cinema  rimane un mezzo fondamentale per raccontare certe storie. Quella de Il buco ci racconta la rocambolesca fuga di un moderno Don Chisciotte da una prigione ipertecnologica a struttura verticale, in cui più ci si allontana dalla superficie più l’inferno diventa reale. Scontri violenti per la fame, visioni allucinatorie, oscure manipolazioni e geometrie inconcepibili, a questo film non manca proprio nulla, e si trovava in questa classifica dal giorno dell’uscita.

[Il Buco. Guida alle metafore]

6. His House

top 10 classifica film

Nello sterminato quartiere delle case infestate talvolta alcune sono più inquietanti di altre. È il caso di His House, un film che rientra nel sottogenere horror delle haunted house, ma che si spinge oltre i cliché affrontando di petto i temi e i drammi della questione migratoria. Una coppia di coniugi africani ottiene il permesso di residenza in una casa di periferia;  accerchiati su più fronti, tra razzismo intestino e antichi demoni, dovranno trovare la forza di affrontare il trauma della perdita della figlia durante l’esodo in mare aperto. Film per eccellenza sulla perdita della dimensione della casa come luogo sicuro, ma non solo: se si può ancora considerare questo mondo come casa, niente è più simile ad essa che un cumulo di macerie alla deriva su un mare di morti. Rimandiamo anche in questo caso alla recensione!

[Abitare il trauma in His House – Recensione]

5. The Boys

La serie, ideata da Eric Kripke per Amazon Prime, è stata una delle più attese dell’anno sulla piattaforma. Se vi eravate abituati agli spargimenti di sangue della prima stagione, preparatevi a un pieno di violenza gratuita nella seconda. Tra teste che esplodono e balene trapassate da motoscafi, il sistema eroico-capitalistico inizia a vacillare: i super sono ormai sempre più fuori controllo e la Vought International, scandalo dopo scandalo, riesce a stento a tenerli al guinzaglio. Soltanto i Boys, capitanati da Butcher e Hughie, possono fare qualcosa per fermarli, e, nel frattempo, impedire un complotto che ha profonde radici nel passato della multinazionale. Se quello che state cercando è uno spaccato distopico dell’America contemporanea, The Boys trasforma in realtà gli incubi della nazione a stelle e strisce, dallo strapotere delle multinazionali, al controllo mass-mediatico.

4. Parasite

top 10 classifica film

È vero, Parasite è uscito nel 2019, quindi non dovrebbe rientrare in questa classifica. Eppure, anche grazie alla premiazione agli Oscar e la distribuzione nelle sale italiane nel febbraio 2020, è doveroso non dimenticare così in fretta uno dei film più importanti del decennio. Ambientato nella Seul contemporanea, quest’opera esplora la dicotomia sociale ed economica tra i benestanti di sfarzose ville e gli scarafaggi dei bassifondi fangosi della città. La crisi del lavoro, tra gig economy e know how, ha creato nuove e sempre più pervasive forme di sfruttamento; è da queste premesse che la poverissima famiglia Kim riesce a trovar fortuna ingannando i Park. Ma chi sono i veri parassiti della società? Brillante ed imprevedibile, perfetto sotto ogni punto di vista.

3. Le Strade del Male

Questa pellicola di Antonio Compos, disponibile su Netflix, riporta alla mente le grandi epopee sulla storia del nuovo continente come Il Petroliere (Paul Thomas Anderson, 2007) o Non è un paese per vecchi (Joel ed Ethan Coen, 2007), per la capacità di raccontare gli elementi fondativi della cultura americana: violenza e fede. Una crocifissione sul campo di battaglia è il momento di origine del contagio della violenza, che avviluppa le sue spire intorno alle tragiche vicende di un ragazzo innocente, costretto a districarsi tra padri violenti, poliziotti corrotti, insospettabili assassini seriali e predicatori invasati, tutti accomunati da una cieca fede in Dio destinata ad eclissare per sempre la loro ragione.

[Il sentiero della fede verso Le Strade del Male]

2. Mank

David Fincher racconta la storia di Herman J. Mankiewicz, lo sceneggiatore di Quarto Potere (Orson Welles, 1941), cioè uno dei più grandi capolavori della storia del cinema. Riprendendo il discorso sul potere propagandistico del cinema, Fincher costruisce un film che trascende e rinnega l’idea stessa di film biografico. Molte delle vicende narrate sono infatti volutamente distorte, gonfiate, oppure completamente inventate. Le fantasmagorie della hollywood anni ‘30, la stampa e la disinformazione, proprio come le contemporanee fake news e le mirabolanti teorie del complotto che condizionano gli eventi politici, portano a chiedersi: che fine ha fatto la verità? Da poco disponibile su Netflix, non perdetevelo!

1. Raised by Wolves

top 10 classifica film

Al primo posto della classifica dei migliori film del 2020… non c’è un film! Certo, si vuole anche provocare, ma Raised by Wolves (Ridley Scott, 2020) è molto di più che una serie tv, ed è molto di più che un film. È un’opera che finalmente espande l’immaginario fantascientifico di Scott oltre i limiti di quelle poche pellicole che lo hanno contenuto finora, e si sta parlando di Alien (1979), Blade Runner (1982), Prometheus (2012) e Alien: Covenant (2017). Il nucleo narrativo è ancora una volta una figura femminile assimilabile all’archetipo junghiano della Donna Lupa, che deve confrontarsi con l’incubo del parto mostruoso, come già avviene per le protagoniste della saga di Alien. Sullo sfondo, ma neanche troppo, il collasso dell’umanità, la ricerca delle origini, il culto della tecnologia, in un’infinita lotta per la sopravvivenza tra i lupi che popolano l’iperspazio. Capolavoro!

Hai letto: Top10 – Classifica dei migliori film del 2020

Top10 – Classifica dei migliori libri del 2020

top10 classifica libri